Xylella, Pellegrini chiede un consiglio comunale monotematico

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota inviataci dal consigliere comunale Domenico Pellegrini.

Sono stati più di duemila gli agricoltori che sono scesi in piazza a Monopoli, domenica 13 gennaio, per chiedere al Governo interventi decisivi per arginare la Xylella fastidiosa, la malattia che sta sterminando gli ulivi pugliesi e sta lentamente risalendo la regione. La manifestazione “Si, combatto la Xylella. Si per il paesaggio, la produttività, la scienza” si è svolta a Monopoli dopo che qui è stato scoperto l’ulivo infetto. Per la precisione, l’ulivo malato si trova vicino la Piana degli ulivi monumentali in contrada Caramanna ed è l’albero infetto più a nord in tutto il territorio pugliese. Di conseguenza, la linea di demarcazione tra le zone ritenute immuni e quelle “cuscinetto” sarà sopostata ulteriormente. Il corteo di domenica 13 gennaio è partito da via Ippolito Nievo e si è concluso in piazza Vittorio Emanuele. Sul palco si sono alternati gli interventi dei rappresentanti delle associazioni di categoria e degli amministratori. Il sindaco di Monopoli Angelo Annese aveva invitato tutti a partecipare perché come ha dichiarato: “Il problema Xylella interessa tutti e mette a repentaglio il futuro agricolo, economico e turistico di questa regione così come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi”. 
I danni provocati dalla Xylella fastidiosa ammonterebbero a 1,2 miliardi di euro. Queste sono le stime della Coldiretti, che chiede un deciso cambio di rotta con maggiori risorse per gli agricoltori colpiti. La partecipazione alla manifestazione di Monopoli è stata ampia e trasversale. Tra i partecipanti, infatti, anche i politici di Forza Italia. Tra questi, il commissario regionale di Forza Italia, Mauro D’Attis che ha dichiarato: “La Xylella è una catastrofe che ha travolto non solo l’agricoltura e l’economia regionale, ma anche il paesaggio tipico e identitario della Puglia. Emiliano, da presidente della Regione poteva e doveva agire per tempo seguendo le indicazioni della scienza e non considerando, nemmeno per un attimo, teorie fantasiose senza alcun fondamento. Eppure, la Xylella ha divorato migliaia di ettari di uliveti senza che la Regione mettesse in atto misure che avrebbero contenuto il fenomeno, come quelle del Piano Silletti”. “Non è più tempo di indugi – ha dichiarato il consigliere regionale di Forza Italia Domenico Damascelli – bisogna mettere in atto tutte le azioni dettate dalla scienza per porre un argine all’infezione killer degli ulivi. Se il populismo del governatore Emiliano non avesse lasciato campo libero agli oppositori delle eradicazioni, consentendo che venissero eseguite a tempo debito, l’infezione si sarebbe potuta bloccare. Così non è stato, e chi ha la responsabilità politica di queste scelte suicide dovrà darne conto”. “Occorre intervenire in modo risoluto e decisivo quanto prima – ha affermato il consigliere comunale di Forza Italia e vice coordinatore provinciale Domenico Pellegrini, presente alla manifestazione – L’espansione della Xylella non aspetta i tempi delle indagini preliminari, di eventuali processi o di ricorsi al Tar. Il Governo deve intervenire subito, anche per rimediare alle responsabilità di Emiliano, che sono acclarate e hanno provocato le dimissioni dell’assessore regionale all’agricoltura Leonardo Di Gioia. Come gruppo locale, ci stiamo impegnando affinché anche a Polignano si possa dare giusta e corretta informazione ai nostri agricoltori. Ovviamente, i nostri concittadini sono penalizzati pesantemente per l’assenza di un assessore all’agricoltura. Il sindaco Vitto ritiene forse che questo settore non sia importante per la nostra economia. In ogni caso, noi di Forza Italia vogliamo chiedere al Presidente De Donato un consiglio comunale monotematico. La Xylella è quasi arrivata a Polignano, non c’è più tempo da perdere”.

Autore dell'articolo: Redazione Radio Incontro