Bandi formazione-lavoro, ancora non si conoscono le date delle prove

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa del consigliere comunale di opposizione Domenico Pellegrini (FI) che interviene sui concorsi banditi dall’Amministrazione:

Il 3 febbraio 2019 sono scaduti i termini per la presentazione delle domande di partecipazione ai bandi, attraverso i quali il comune di Polignano cerca 6 nuovi vigili urbani, un istruttore contabile, un istruttore amministrativo e due istruttori direttivi tecnici con il contratto di formazione-lavoro. Ad oggi, dopo circa 4 mesi, ancora non si conoscono le date in cui si terranno le prove di selezione. Eppure ci sono settori in affanno, che aspettano con ansia le nuove risorse, che andrebbero ad alleggerire il lavoro, come quello ad esempio dei vigili urbani, settore pubblico in forte carenza, soprattutto adesso che il paese si appresta a vivere il periodo intenso dell’estate.

Ricordiamo che il Comune assumerà 6 vigili urbani con il contratto di formazione lavoro, della durata di massimo 12 mesi, con un periodo obbligatorio di formazione – 40 ore di cui 20 retribuite e 20 non retribuite – e con un orario settimanale di lavoro di 36 ore, compresa la formazione. Inoltre, sarà assunto anche istruttore direttivo amministrativo part-time. La durata massima del contratto sarà di massimo 24 mesi, con un periodo di obbligatorio di formazione – 130 ore di cui 65 retribuite e 65 non retribuite – e con un orario settimanale di lavoro di 18 ore. L’amministrazione cerca anche un istruttore contabile, con contratto di formazione lavoro di massimo 24 mesi, con un periodo obbligatorio di formazione – 130 ore di cui 65 retribuite e 65 non retribuite – e con un orario settimanale di lavoro di 18 ore. Infine, saranno assunti due istruttori direttivi tecnici, part time al 50%, con un contratto di formazione e lavoro della durata massima di 24 mesi. Il periodo obbligatorio di formazione è di 130 ore, delle quali 65 sono retribuite e 65 non retribuite. L’orario settimanale di lavoro è di 18 ore.

Domenico Pellegrini

“A quattro mesi dalla chiusura dei bandi, non si conoscono le date in cui si svolgeranno le prove di selezione – spiega il consigliere comunale di Forza Italia – nonostante ci sia il Comando dei Vigili Urbani in forte affanno a causa del numero esiguo di risorse a disposizione. I vigili sono costretti a turni massacranti. A breve la situazione sarà ancora più critica perché scadranno i contratti con i vigili stagionali. Cosa sta aspettando l’Amministrazione? Queste sei nuove assunzioni sono fondamentali. Tra poche settimane ci saranno anche i tuffi della Red Bull e i nuovi vigili, che devono anche svolgere il periodo di formazione precedente, sono preziosi per gestire l’ordine pubblico. E’ importante anche sapere se saranno confermati anche i vigili stagionali. Se questo non accadesse, i sei nuovi vigili andranno a sostituire l’apporto dei vigili stagionali. Così facendo, il Comando avrà a disposizione lo stesso numero di vigili presente durante il periodo invernale. Tutto questo ritardo è sconcertante. Fin dalla pubblicazione dei bandi, noi di Forza Italia, abbiamo cercato di dare massima visibilità – afferma il consigliere comunale azzurro– perché questi bandi rappresentano una grande opportunità per molti nostri giovani che sono alla ricerca di un lavoro. Abbiamo inoltre invitato l’Amministrazione ad operarsi per garantire la massima promozione di questi provvedimenti, con tutti i mezzi di comunicazione disponibili, per permettere a più ragazzi partecipare. Il termine di scadenza per la presentazione delle domande era fissato al 3 febbraio. Sono passati quasi quattro mesi ma ancora non sappiamo quando si svolgeranno le prove per la selezione. Ci sono tantissimi giovani che aspettano di sapere quando dovranno sostenere le prove. Si parla di occasioni lavorative importanti, oltre che del futuro dei candidati – conclude il consigliere Pellegrini – che aspettano senza avere neanche la più piccola informazione sui tempi di svolgimento. Moltissimi cittadini si sono rivolti a noi di Forza Italia per sollecitare l’Amministrazione ad intervenire. Come sempre, la comunicazione di questa Amministrazione con i polignanesi lascia molto a desiderare”.

Autore dell'articolo: Redazione Radio Incontro