Pittura e pittoscultura in mostra a Polignano

Si è inaugurata sabato scorso, presso il centro culturale “U Castarill” nel paese vecchio di Polignano a Mare, la mostra di pittura e pittoscultura con le opere di Annalisa Schirinzi e di Giovanni Pedote (GioPe).

Da sinistra: Giovanni Pedote, Nina Centrone, Annalisa Schirinzi e don Vito Benedetti

Noi di Radio Incontro abbiamo anche anticipato in diretta il vernissage con un collegamento telefonico durante la 59° puntata del Radio Incontro News (eccezionalmente anche in live streaming su Facebook). Ad intervenire sulla nostra frequenza il pittoscultore Giovanni Pedote che ha descritto l’esposizione e quindi il leitmotiv della collettiva “i colori di Annalisa Schirinzi incontrano il segno e la materia di Giope (riascolta qui la puntata).

Venendo all’inaugurazione della mostra, visitabile fino al 3 novembre, hanno presenziato don Vito Benedetti e la prof.ssa Nina Centrone (presidentessa de U Castarill), la quale ha presentato l’iniziativa: “il titolo della mostra è un programma di creatività e di relazione. I colori di Annalisa Schirinzi incontrano il segno e la materia di Giope, cioè i due protagonisti della serata si interconnettono, entrano in relazione e trovano un punto forte di intesa nell’arte”, quell’arte che dialoga con il pubblico perché “la mostra organizzata dal centro culturale rappresenta il capitale psicologico per riconciliarci con noi stessi e con quanto ci circonda”.

Uno sguardo in più …

Di solito l’arte si presta molto alla libera interpretazione ed infatti, in ogni quadro che osserviamo, lasciamo l’impronta del nostro modo di vedere le cose. Il quadro che ha catturato la mia attenzione è stato “Voglia di respirare” (realizzato da GioPe con una tecnica mista su legno), in cui è raffigurata una persona seduta su una montagna che, lontano dal caos della città, ha modo di pensare.

La cosa che mi ha incuriosita è che questo quadro si presta non ad una, ma a due interpretazioni personali. La seconda è scaturita dalla presenza di una scala all’interno della nuvola dei pensieri del soggetto, che ripensa a tutti i successi e sacrifici che l’hanno portato così in alto.

Accanto alle opere di pittoscultura, il visitatore può ammirare le opere di Annalisa Schirinzi che ha incentrato il suo lavoro sulla raffigurazione di paesaggi, utilizzando colori accesi e dando un tocco di luminosità alle sue tele.

“La mostra si rivolge a tutti, grandi e piccini, – ha affermato GioPe durante il suo intervento a Radio Incontro – perché è una mostra interessante a partire dalla tecnica utilizzata fino ai motivi che i quadri esprimono”.

Come detto, sarà possibile contemplare le opere dei due artisti fino al 3 novembre.

Magda Grieco

Autore dell'articolo: Redazione Radio Incontro